Che le votazioni abbiano inizio!

Con il 12 agosto, e fino al 31 ottobre 2015, si apre la fase effettiva di votazione del nome da assegnare ai diversi sistemi planetari individuati dall’Unione Astronomica Internazionale. E’ la fase finale della campagna Name ExoWorlds a cui tutti possono partecipare per votare le migliori proposte candidate. L’Istituto Nazionale di Astrofisica – INAF – e la Società Astronomica Italiana –SAIt – hanno promosso l’iniziativa a livello nazionale con un bando scegliendo le due migliori proposte da sottomettere sul portale dedicato al concorso.

Natura e Intelligenza Artificiale sono le due tematiche delle proposte INAF e SAIt
Natura e Intelligenza Artificiale sono le due tematiche delle proposte INAF e SAIt

Sono passati 20 anni dalla scoperta del primo pianeta orbitante attorno a una stella diversa dal nostro Sole!

Oggi i pianeti rilevati, e confermati, sono oltre 1900. Essi possiedono già tutti un nome da catalogo, necessario per il loro riconoscimento e caratterizzazione, che quasi sempre si rifà o allo strumento con cui sono stati osservati o alla costellazione d’appartenenza della loro stella madre. Ma non hanno un nome proprio come invece accade per i nostri ben noti vicini di casa: Giove, Marte, Saturno e così via…

Per questo motivo l’Unione Astronomica Internazionale – IAU – ha lanciato un vero e proprio concorso per trovare il nome a una manciata, per ora, di pianeti. In particolare sono stati considerati quelli più noti e catalogati per primi dalla comunità scientifica. Sono 20 in tutto e vengono denominati da IAU come ExoWorld; vanno dai più semplici sistemi stella-pianeta fino a quelli multipli con stelle doppie e cinque pianeti orbitanti attorno a una delle due componenti! Anche le stelle madri sono state “battezzate”, a meno che non avessero già il loro nome arabo, e le regole da rispettare erano molte e anche parecchio restrittive.

Il 15 giugno si è chiusa la fase di presentazione delle proposte e si è aperta ora la votazione con la quale il pubblico di tutto il mondo è chiamato a scegliere la favorita “battezzando” ufficialmente i pianeti e le loro stelle.

Le due proposte finaliste sono state selezionate, tra quelle pervenute, da una commissione apposita e sono state inserite nel portale gestito da IAU e ZOOUNIVERSE.

Tra tutte quelle pervenute INAF e SAIt hanno scelto due ispirate rispettivamente alla Natura e alle Intelligenze Artificiali in Fantascienza.

heliantus
La potenza evocativa del GiraSole e l’ispirazione alla Natura hanno colpito la commissione che ha deciso di presentare questa proposta

La migliore candidata INAF è la proposta di Rossella Spiga dell’Università di Padova. Al sistema planetario mu Arae, formato da una stella e quattro pianeti, è stato associato un tema dal sapore floreale incentrato sull’idea di natura e mitologia. Per la stella, molto simile al Sole posta a 50 anni-luce di distanza da noi, è stato proposto il nome greco Riza (radice, origine), mentre per i pianeti sono stati selezionati ad hoc quattro specie di fiori: Lotus (mu Arae b), Helianthus (mu Arae c) (il nome latino di Girasole), Hibiscus (mu Arae d) e Camelia (mu Arae e).

SCARICA  E LEGGI L A PROPOSTA

AI
Il Mondo affascinante delle Intelligenze aritficiali molte volte protagoniste di romanzi e film di Fantascienza ben si presta allo scopo del contest IAU

SAIt ha selezionato la proposta di Riccardo Balestrieri della Repubblica di San Marino, che attribuisce, al sistema planetario 55 Cancri, nomi di intelligenze artificiali della più nota letteratura e filmografia fantascientifica. Il sistema è composto da un sistema binario, 55 Cancri A e 55 Cancri B, e da cinque pianeti orbitanti attorno alla componente A. I nomi delle due stelle sono ispirati al romanzo di fantascienza “La Luna è una severa maestra” di Robert A. Heinlein (1966): Mike e Michelle sono i nomi che identificano la doppia personalità del supercomputer che, diventato senziente, si trova sulla Luna nell’anno 2075. Per i pianeti vengono proposti i nomi di intelligenze artificiali tratti dalla cinematografia e dalla letteratura: Jane (55 Cancri b), Joshua (55 Cancri c), Simone (55 Cancri d), HAL (55 Cancri e) e Samantha (55 Cancri f).

SCARICA E LEGGI LA PROPOSTA

Tutto il pubblico è invitato a votare: si possono iscrivere sia singoli che gruppi di persone di ogni età e da ogni parte del mondo. Un comitato ufficiale IAU valuterà la scelta dei nomi candidati che verranno resi pubblici dopo la scadenza del vito che è 31 ottobre 2015.

Votare è facile: basta accedere al portale IAU all’indirizzo www.nameexoworlds.org/ nella sezione For Individuals – Sign Up. Ognuno dei 20 exoworld ha una lista di nomi che sono stati selezionati da varie organizzazioni di tutto il mondo. E’ possibile votare una sola proposta per ognuno dei 20 exoworld. Si è liberi di votare per un solo exoworld o per il numero che si vuole di essi o anche per tutti e 20 (ricordiamo che un exoworld è composti da stella + pianeta/i). I nomi che risulteranno vincitori non sostituiranno le denominazioni scientifiche, ma saranno utilizzati e diffusi da IAU come nomi adottivi, con il dovuto riconoscimento alle associazioni di astronomia o alle organizzazioni che li hanno proposti nonché alle persone che hanno sviluppato l’idea. Le proposte da noi sostenute sono relative a due soli sistemi, Mu Arae e 55 Cancri, perché ciascun ente certificato poteva sottoporre una sola proposta per un solo sistema!

Ma tutti sono invitati a esprimere la preferenza per la lista completa dei 20 sistemi planetari! Quindi le proposte da noi descritte potete votarle entrambe visto che fanno riferimento a due Exoworld diversi!

Iscrizione e proposte sono tutte in lingua inglese essendo il contest a diffusione mondiale. In questo portale trovate le proposte sottomesse da INAF e SAIt con anche la traduzione in italiano e se avete dubbi inviateci una mail ad altrimondi@brera.inaf.it.

Votate numerosi!!!