10° puntata radiofonica, il pianeta dalla notte eterna

Rappresentazione artistica di un pianeta privo della sua stella. Crediti: NASA/JPL-Caltech.
Rappresentazione artistica di un pianeta privo della sua stella. Crediti: NASA/JPL-Caltech.

Chiudete gli occhi. Immaginate di vivere in un mondo completamente buio, una notte eterna fatta di tenebre impenetrabili. Un pianeta senza alcuna stella a illuminarlo.

È questo il caso di PSO J318.5-22 un pianeta solitario, che fluttua isolato, un pianeta orfano, privo della propria stella madre.

Questo nuovo mondo è stato scoperto con la tecnica dell’osservazione diretta, ha mostrato un pianeta gigante gassoso, simile a Giove del nostro Sistema Solare, ancora nelle fasi iniziali della sua evoluzione.  Per questo il suo interno è ancora estremamente caldo, e tale calore interno fa sì che la sua temperatura superficiale superi gli 800 gradi centigradi. A questa temperatura è plausibile pensare che le nubi che avvolgono il pianeta siano formate da materiale fuso, probabilmente una miscela di silicati e ferro.

Mondi isolati come questo non sono rappresentativi di ciò che andiamo cercando, non potranno mai essere simili alla nostra Terra ma, grazie al loro studio, è possibile ottenere informazioni e nuove tecniche per capire dove e come cercare pianeti abitabili come il nostro.

Mariangela Bonavita che lavora presso l’istituto di Astrofisica dell’Università di Edimburgo in questa puntata racconta e descrive le caratteristiche e le tecniche che hanno permesso di trovare un mondo lontano disperso nello spazio.